Impatto del processo di "cambiamento" sull'esperienza delle donne di IPV in Nepal

L'ultima ricerca sulla violenza intima dei partner suggerisce che nei paesi a basso e medio reddito, interventi che includono media, lavoro di gruppo e mobilitazione della comunità possono cambiare efficacemente le stesse norme sociali che consentono tale violenza.

Un progetto di -
Nepal, Costruire la pace e trasformare l'estremismo, Difendere l'uguaglianza di genere e l'emancipazione femminile, Ricerca e apprendimento

Sabina Behague

Astratto

La violenza intima nei confronti dei partner (IPV) colpisce 1 donna su 3 in tutto il mondo. La ricerca nei paesi a basso e medio reddito suggerisce che gli interventi multicomponente che incorporano media, lavoro di gruppo e mobilitazione della comunità possono essere efficaci nel modificare le norme sociali che consentono tale violenza.

Il nostro studio mirava a valutare l'impatto di un programma radiofonico più l'impegno della comunità rispetto alla sola programmazione radiofonica sulla prevalenza di 12 mesi dell'IPV. Utilizzando un approccio randomizzato, ripetuto trasversale, in singolo cieco, trentasei comunità di villaggio sono state accoppiate in coppie in tre distretti del Nepal e assegnate casualmente al controllo o all'intervento.

Entrambi i gruppi sono stati esposti alla comunicazione di cambiamento del comportamento sociale attraverso la programmazione radio. Inoltre, nelle comunità di intervento si sono formati gruppi settimanali di ascolto e discussione (LDG) per incontrarsi e discutere la programmazione radio durante il periodo di intervento di 40 settimane. I partecipanti sono stati inoltre esposti ad altre attività di mobilitazione della comunità come teatro di strada e messaggistica da parte di leader locali impegnati nella programmazione degli interventi.

L'IPV è stato misurato al basale, 12 mesi dopo il basale alla conclusione del programma e 28 mesi dopo il basale utilizzando un semplice campione casuale di 40 donne sposate per gruppo (n = circa 1440 in ogni punto temporale) insieme a 382 donne che hanno partecipato al LDG.

Sebbene i gruppi di controllo e di intervento fossero simili dal punto di vista demografico, i tassi di base di IPV erano più alti nelle aree di controllo. La tendenza dell'IPV per entrambi i gruppi è stata non lineare, in gran parte in calo alla linea mediana (condizioni di controllo) e in aumento nuovamente alla linea di fondo (condizioni di controllo e di intervento), probabilmente riflettendo una maggiore comunicazione a causa di attività di sensibilizzazione. Differenze significative tra i due gruppi erano ampiamente assenti alla fine.

Una maggiore presenza di LDG era associata a diminuzioni in diverse forme di IPV, alcune delle quali persistevano fino alla fine. Questi risultati suggeriscono che potrebbe essere necessario un intenso coinvolgimento della comunità in periodi più lunghi o la misurazione dei social network per rilevare cambiamenti significativi a livello di comunità.

L'articolo completo, di Cari Jo Clark, Binita Shrestha, Gemma Ferguson, Prabin Nanicha Shrestha, Collin Calvert, Jhumka Gupta, Brian Batayeh, Irina Bergenfeld e J. Michael Oakes, sono disponibili nel numero di aprile 2020 di ScienceDirect.

Leggi e scarica l'articolo completo qui.